In evidenza

Le nuove pensioni con specifico riguardo alle prestazioni assistenziali - Aspetti deontologici

di Franco Ballati

1. Le innovazioni apportate dalla riforma in materia di prestazioni e contributi
2. L'adozione del metodo retributivo “corretto”
3. Altri tipi di pensione
4. Prestazioni assistenziali. Il nuovo regolamento di assistenza ed i vari tipi di assistenza (ordinaria e straordinaria)
5. Riscatto, ricongiunzione e totalizzazione
6. Profili deontologici

 

 


1. LE INNOVAZIONI APPORTATE DALLA RIFORMA IN MATERIA DI PRESTAZIONI E CONTRIBUTI

La riforma della previdenza forense è avvenuta con la pubblicazione dei nuovi regolamenti per le prestazioni previdenziali e dei contributi, approvati dal Comitato dei Delegati della Cassa il 5.12.2009, sulla Gazzetta Ufficiale n. 303 del 31.12.2009 ed è entrata immediatamente in vigore a partire dal 1.1.2010.
Da tale data sono aumentate le aliquote del:
a) contributo integrativo (dal 2% al 4%) su tutte le fatture emesse dagli avvocati iscritti agli albi o dai praticanti iscritti alla Cassa. Ciò, per il momento, fino al 2015;
b) contributo soggettivo (dal 12% al 13%) sul reddito professionale dichiarato ai fini IRPEF del 2009 (modello 5/2010);
c) di una ulteriore quota di contributo soggettivo, in parte obbligatoria ed in parte facoltativa, sui redditi prodotti dall'anno 2010 per una “quota aggiunta - al trattamento di base - di pensione modulare” (determinata con calcolo contributivo ed avente lo scopo di migliorare i livelli di adeguatezza delle prestazioni e di consentire a ciascun avvocato di stabilire la quota di reddito da destinare a risparmio previdenziale).
Tale aliquota è stabilita in percentuale sul reddito professionale dichiarato ai fini IRPEF entro il tetto:
- regime obbligatorio (1%);
- volontario (dal 1% al 9%);
E' altresì prevista:
d) la eliminazione graduale , entro il 2021, dei supplementi di pensione;
e) la riduzione alla metà del contributo minimo soggettivo per i primi cinque anni di iscrizione alla Cassa, ove la decorrenza della iscrizione (e non la presentazione della domanda) sia antecedente al compimento del 35° anno;
f) la abolizione del contributo minimo integrativo per i primi cinque anni di iscrizione all'albo;
g) la riduzione del termine minimo (da 10 a 5 anni) di iscrizione (anzianità contributiva) per poter accedere alle pensioni di inabilità ed invalidità (per infortunio o malattia).
In particolare per quanto ci interessa, e per assicurare la sostenibilità del sistema previdenziale a lungo termine (cinquanta anni – vedi art. 3 L. 335/1995), con particolare riguardo alla “adeguatezza sociale delle prestazioni erogate” si è inciso profondamente sul regime delle pensioni.
Ad oggi, si poteva andare in pensione (di vecchiaia) con una anzianità di iscrizione di almeno 30 anni ed almeno 65 anni di età; in pensione (di anzianità) in presenza di due requisiti: anni 58 di età e 35 anni di anzianità contributiva, con la previsione, peraltro, della obbligatoria cancellazione dall'albo (e dalla professione).
Tali requisiti minimi, con la riforma previdenziale del 2009, sono stati notevolmente rivisti ed aumentati gradualmente, sulla base della seguente progressione.

PENSIONE DI VECCHIAIA

Anno di pensionamento

Età minima

Anzianità minima

2011-2013

66

31

2014-2016

67

32

2017-2018

68

33

2019-2020

69

34

2021

70

35

E' prevista la possibilità di ammissione anticipata al pensionamento fino a 65 anni di età previa applicazione di un coefficiente di riduzione dell'importo di pensione pari al 5% per ogni anno di anticipo.
Peraltro, ove si sia in presenza di almeno quaranta anni di anzianità contributiva, il pensionamento a 65 anni di età non comporterà alcuna riduzione dell'importo di pensione.
Si può continuare l'attività professionale restando iscritti nell'albo.

PENSIONE DI ANZIANITA'

Anno di pensionamento

Età minima

Anzianità minima

2012-2013

58

36

2014-2015

59

37

2016-2017

60

38

2018-2019

61

39

2020

62

40

 

SUPPLEMENTI DI PENSIONE
Attualmente i supplementi di pensione contributivi di pensione venivano erogati dopo il primo biennio ed il successivo triennio dal pensionamento di vecchiaia.
Si hanno le seguenti modifiche:

Anno di decorrenza pensione

Decorrenza supplemento

2011-2013

dopo 4 anni dal pensionamento

2014-2016

dopo 3 anni dal pensionamento

2017-2018

dopo 2 anni dal pensionamento

2019-2020

dopo 1 anno dal pensionamento

2020

nessun supplemento

Si è così tentato di rafforzare (o ripristinare) l'equilibrio del sistema, con la garanzia, per tutti i pensionati, di un trattamento adeguato, ponendo al centro del sistema l'iscritto, che potrà programmare fin dall'inizio il suo futuro pensionistico, con scelte, certamente all'inizio dolorose e costose, ma che, poi, in futuro si riveleranno determinanti in positivo.
Mi richiamo agli istituti (per i più giovani, ma non solo) della immediata iscrizione alla Cassa con la retrodatazione (degli anni con abilitazione al patrocinio) del riscatto (degli anni di laurea e del praticantato senza abilitazione). Verrebbero così acquisiti anni di anzianità contributiva a costi sicuramente vantaggiosi con opportunità di rateizzo (fino a tre anni) e con beneficio di natura fiscale.
L'iscritto diventa così (anche in relazione alla introdotta quota modulare o accessoria) arbitro della sua “pensione”; la riforma previdenziale cerca di rispondere positivamente all'esigenza di sicurezza sociale da parte delle giovani generazioni con il previsto periodo minimo di stabilità gestionale di almeno trenta anni e con il prolungamento del periodo temporale delle proiezioni del bilancio tecnico per almeno 50 anni, ciò per assicurare alle generazioni future un congruo trattamento previdenziale.

2. L'ADOZIONE DEL METODO RETRIBUTIVO “CORRETTO”
Da evidenziare, preliminarmente, la notevole differenza fra sistema contributivo e sistema di calcolo retributivo.
Nel sistema contributivo (L. 335/1995) la prestazione pensionistica è strettamente correlata alla massa dei contributi versati dall'iscritto nell'arco della vita contributiva (ma non tiene conto del concetto di solidarietà intercategoriale).
Il sistema di calcolo retributivo, basato sulla media dei redditi professionali, rivalutati e tolti i peggiori cinque, ed entro il limite reddituale annuale previsto dalla Cassa, appare invece più compatibile con il concetto di solidarietà ove si consideri che all'interno della ns. categoria vi sono notevoli disparità di reddito, quali:
- le ns. colleghe percepiscono un reddito, mediamente, pari alla metà, a pari età, degli uomini;
- solo il 12,78% degli iscritti denuncia un reddito superiore al tetto attualmente vigente;
- gli iscritti al di sotto di anni quaranta rappresentano il 46,7 % del totale, ma;
- versano solo il 25,2% del contributo soggettivo totale.
Ove, si ripete, si prendano in considerazione tali disparità, appare evidente che, mentre nel sistema contributivo l'aumento dei contributi andrebbe solo ad accrescere il conto individuale dell'iscritto, nel sistema di calcolo retributivo, invece, la prestazione è predeterminata ed ove il finanziamento non risulti sufficiente ad adempiere alle promesse, si potrà ricorrere all'adeguamento della contribuzione (da qui la incompatibilità del sistema con la solidarietà).
La Cassa, quindi, ha optato per un sistema c.d. “retributivo corretto”.
E cioè con l'aumento dell'età pensionabile (ma con la possibilità di andare in pensione anticipatamente, ma con una riduzione della prestazione nella misura del 5% annuo).
Sono stati ridotti, nel rispetto del principio del prorata, anche i coefficienti di rendimento per il calcolo della pensione.

 

Scaglione di reddito

Coefficienti vigenti

Nuovi coefficienti

da € 0 a € 42.500

1,75%

1,50%

da € 42.500 a € 64.000

1,50%

1,50%

da € 64.000 a € 74.500

1,30%

1,20%

da € 74.500 a € 82.250

1,15%

1,20%

I coefficienti di rendimento utili per il calcolo della pensione vengono così ridotti dagli attuali quattro a due.

3. ALTRI TIPI DI PENSIONE
Interventi sono stati effettuati anche su altri tipi di pensione.
La pensione minima viene sostituita da un più articolato meccanismo di “integrazione al minimo”.
Tale integrazione al trattamento minimo spetta solo nell'ipotesi in cui il reddito complessivo dell'iscritto e del coniuge, comprensivo dei redditi soggetti a tassazione separata, oppure a ritenuta alla fonte, non sia superiore al triplo del trattamento integrato al minimo previsto per l'anno di pensionamento.
Tale trattamento non si applica alla quota modulare di pensione, calcolata con il sistema contributivo.
All'art. 8 (del regolamento delle prestazioni) si prevede che coloro che abbiano raggiunto il requisito anagrafico per ottenere la pensione di vecchiaia ma non il requisito di anzianità contributiva, hanno il diritto di chiedere la liquidazione di una pensione di vecchiaia contributiva, ove non si siano avvalsi della totalizzazione o dell'istituto della ricongiunzione a favore di altro ente previdenziale o che non intendano proseguire nei versamenti dei contributi al fine di raggiungere una maggiore anzianità. Il calcolo si avrà con il metodo contributivo, sulla base dei contributi versati negli anni efficaci e non con il metodo retributivo (in base alla media dei redditi prodotti).
Disposizioni particolari sono previste per le pensioni di inabilità (art. 9), invalidità (art. 10  e 11) e di reversibilità ed indirette (art. 12), alla cui lettura si rimanda precisando che, in tutte, è previsto il necessario coordinamento con il regime transitorio previsto per le pensioni di vecchiaia.
Da rilevare, infine, che con il metodo retributivo il computo si avrà sull'intera vita “contributiva” e cioè su tutti gli anni di iscrizione del professionista alla Cassa con l'esclusione dei peggiori cinque.
La diminuzione dei coefficienti comporterà una riduzione media della pensione, dal 14.3%di un reddito medio pensionabile di € 30.000 al 8,5% su di un reddito medio pensionabile di € 83.000,00.

4. PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. IL NUOVO REGOLAMENTO DI ASSISTENZA ED I VARI TIPI DI ASSISTENZA (ORDINARIA E STRAORDINARIA)
Riportandosi agli art. 17,18 e 19 della L. 141/1992, il nuovo regolamento della Cassa di assistenza, in presenza di un “disagio economico personale e familiare dell'iscritto” prevede una dotazione di spesa, pari al 3% delle entrate correnti iscritte al bilancio di previsione della Cassa, da suddividere in:
a) assistenza ordinaria (da parte del Consiglio dell'Ordine)
- viene erogata in presenza di domanda cui deve essere allegata idonea documentazione (stato di famiglia, dichiarazione dell'istante da cui risultino i redditi di tutto il nucleo familiare, certificazione medica se necessaria), salvo i casi di notorietà dello stato di bisogno;
- previa adeguata motivazione della deliberazione di erogazione da trasmettere alla Cassa entro il 30 marzo dell'anno successivo a quello della delibera (nella delibera devono essere indicati eventuali trattamenti assistenziali erogati nel quinquennio precedente).
b) assistenza straordinaria
- viene erogata dalla giunta esecutiva della Cassa, su istanza dell'iscritto (nonché dei familiari superstiti) con il limite che l'ammontare complessivo del contributo, sia ordinario che straordinario, non può essere superiore al doppio della pensione minima erogata dalla Cassa nell'anno in cui si è verificato l'evento. Ciò quando il competente Consiglio dell'Ordine non possa provvedere all'erogazione per insufficienza od esaurimento della quota assegnatale. La domanda deve essere inoltrata alla Cassa dal Consiglio dell'Ordine.
c) assistenza indennitaria (art. 18, I e II comma L. 141/921)
- a favore di coloro che per eventi naturali abbiano subito danni incidenti sull'attività professionale; la domanda può essere presentata anche dai familiari superstiti dell'iscritto;
- deve essere inoltrato direttamente alla Cassa;
- l'ammontare complessivo del contributo assistenziale non può superare il doppio della pensione minima erogata dalla Cassa nell'anno in cui si è verificato l'evento;
- il trattamento indennitario non si cumula con l'indennità di maternità;
da notare, sotto l'aspetto pratico:
- la domanda di assistenza in caso di bisogno deve essere indirizzata, con la documentazione prevista dall'art. 8 del Regolamento, al Consiglio dell'Ordine di appartenenza dell'avente diritto;
- l'istruttoria è demandata esclusivamente al Consiglio dell'Ordine;
- la domanda di indennizzo per infortunio o malattia deve essere presentata, a pena di decadenza, entro due anni dal verificarsi dell'infortunio o dall'insorgere della malattia e può essere presentata anche dai superstiti (coniuge, figli conviventi e a carico, altri familiari previsti dall'art. 433 c.c. se conviventi o a carico);
d) indennità per infortunio o malattia (art. 18 L. 141/1992)
- può essere erogata, nel caso di malattia od infortunio, quando ciò abbia impedito, in maniera assoluta, l'esercizio della professione per almeno tre mesi;
- deve essere allegata, alla domanda, idonea certificazione medica;
- l'evento verrà accertato con relazione di un medico legale designato dalla Cassa;
- ne possono beneficiare gli iscritti alla Cassa da almeno tre anni (anche per eventi verificatisi nel terzo anno di iscrizione alla Cassa);
- la domanda deve essere inviata direttamente alla Cassa, unitamente alla documentazione prevista dal regolamento;
- l'ammontare lordo dell'indennizzo è pari ad 1/24 della media dei redditi professionali annui, dichiarati dall'iscritto nei dieci anni solari anteriori all'evento (o per tutti gli anni di iscrizione alla Cassa, se inferiori a dieci), con la rivalutazione al 100%, e con il limite massimo, per la media dei redditi, del contributo versato ai sensi dell'art. 10 della legge (contributo soggettivo).
e) indennità di maternità (art. 70-73 L. 289/2003)
- la domanda deve essere inoltrata direttamente alla Cassa, tramite modulo apposito;
- allo stato è riconosciuta esclusivamente alla professionista che risulti iscritta alla Cassa alla data dell'evento;
- deve essere presentata nei termini sotto indicati (perentori);
- a decorrere dal compimento del sesto mese di gravidanza;
- entro 180 gg. dal parto, in caso di maternità;
- entro 180 gg. dall'ingresso nella casa materna del bambino in caso di adozione o affidamento;
- entro 180 gg. dalla data di interruzione della gravidanza verificatasi (non prima dei 61 gg.);
Detti termini sono perentori e il mancato rispetto comporta le decadenze dal diritto a conseguire la citata indennità.
- è consentito proseguire l'esercizio della professione forense, anche nel periodo preso in considerazione ai fini dell'indennità di maternità;
- dopo il parto, la madre deve inviare al servizio iscrizioni e prestazioni una autodichiarazione, od un certificato, attestante i dati anagrafici completi della richiedente ed attestanti la data del parto;
- l'indennità è pari all'80% del 5/12 del reddito netto professionale prodotto ai fini IRPEF nel secondo anno solare antecedente l'evento;
- l'indennità viene corrisposta per i due mesi di gravidanza antecedenti la data (presunta) del parto e per i tre mesi successivi;
- per un totale di cinque mensilità;
L'indennità minima non può essere inferiore a quella stabilita in base alla tabella INPS (€ 4554,15 lordi) e quella massima a cinque volte l'importo minimo e cioè € 22.710,75 per il 2010.

5. RISCATTO, RICONGIUNZIONE E TOTALIZZAZIONE
I giovani avvocati hanno l'obbligo di cominciare, fin dall'inizio, a costruirsi il proprio futuro previdenziale.
Innanzitutto con l'iscrizione alla Cassa di Previdenza Forense, senza dover corrispondere il contributo all'INPS sull'imponibile delle fatture emesse, che attualmente è pari al 26,7% e che non potrà poi essere acquisito alla Cassa, se non con l'istituto della totalizzazione e l'eventuale pensione sarà poi, in ogni caso, di natura contributiva e non retributiva.
Poi, con l'iscrizione retroattiva e la retrodatazione (che può essere esercitata solo al momento della prima iscrizione) sia per gli anni di iscrizione all'albo che per gli anni di iscrizione al registro dei praticanti con patrocinio (art. 11 e 13 L. 141/92).
Tale domanda non può essere presentata da chi abbia superato i 40 anni.
E' prevista la rateizzazione in tre anni se l'importo dovuto supera € 2.000,00.
La somma dovuta per la iscrizione retroattiva (o retrodatazione) sarà sempre inferiore a quella dovuta per il riscatto, in quanto lo stesso dovrà essere calcolato sulla base dei contributi dovuti negli anni da riscattare, da moltiplicare con la c.d. riserva matematica (e cioè, tenendo conto dell'età e del coefficiente reddituale, del sesso, delle aspettative di vita).
Il riscatto (previsto dall'art. 24 L. 141/1991) può essere richiesto dagli iscritti alla Cassa, anche dai pensionati e dai superstiti, cui spetta la pensione indiretta.
Oggetto del riscatto può essere:
- il corso di laurea (4 anni);
- il servizio militare (due anni, se fatto);
- il praticantato senza abilitazione (fino a tre anni);
A domanda , oltre che il pagamento nei sei mesi, può essere richiesta una rateizzazione per il pagamento di quanto dovuto in cinque anni.
Il costo sarà inversamente proporzionale all'età ed al reddito; prima si presenta la domanda e minore sarà il costo per il professionista.
L'importo corrisposto sarà totalmente deducibile fiscalmente.
Un esempio sul calcolo della riserva matematica:

Età

Anni di iscrizione

Reddito IRPEF

Riserva Matematica

35

1

9.000

11.240

50

16

53.000

29.384

60

26

85.000

77.716

Due parole sulla ricongiunzione e sulla totalizzazione: istituti che, entrambi, vanno ad influire sulla entità della pensione.
Ricongiunzione
Si recuperano periodi di iscrizione presso altri enti previdenziali. Il calcolo del dovuto è effettuato sulla riserva matematica, detraendo però l'importo dei contributi già versati presso gli altri enti.
Può essere richiesta una sola volta.
Anche il pagamento avviene come previsto per il riscatto: in sei mesi oppure rateizzando ed è totalmente deducibile.
Anche in questo caso, con l'aumento del reddito e della età, sale il costo della riserva matematica.
E' istituto, come il riscatto, che deve essere utilizzato nei primi anni della professione.
Totalizzazione
Serve dal 2006 per utilizzare, ai fini pensionistici, periodi di iscrizione maturati presso altre gestioni previdenziali.
Occorre, come minimo, almeno un triennio di precedente iscrizione e che non si sia raggiunto il requisito per la pensione in altri enti.
Non prevede pagamenti ulteriori a carico dell'iscritto.
Deve essere presentata la domanda presso l'ultimo ente e quando è maturato il diritto alla pensione.
La pensione è sensibilmente ridotta, perché si basa sul sistema contributivo (in proporzione al montante contributivo effettivamente versato).

6. PROFILI DEONTOLOGICI
L'art. 10 del nuovo regolamento dei contributi (delibera 5.12.2009, pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale 31.12.2009 n. 303), pone a carico di tutti gli avvocati che risultino iscritti negli albi professionali nell'anno anteriore a quello della dichiarazione, l'obbligo di comunicare alla Cassa, con lettera raccomandata  od in via telematica, entro il 30 settembre di ogni anno, l'ammontare del reddito professionale netto, conseguito ai fini IRPEF nell'anno precedente, nonché il volume di affari IVA per il medesimo anno.
Tale comunicazione deve essere in ogni caso inviata, anche se le dichiarazioni o non siano state presentate oppure siano negative. Deve essere indicato sia il codice fiscale che la partita iva.
La comunicazione deve essere inviata anche dai praticanti abilitati iscritti alla Cassa, sempre relativamente all'anno anteriore a quello della dichiarazione.
All'art. 11 sono previste sanzioni disciplinari a carico di chi, trascorsi 60 gg. dalla ricezione di una diffida da parte della Cassa (per lettera racc. a.r. o casella di posta elettronica) non provveda all'invio della comunicazione.
Tale omissione viene segnalata all'ordine di appartenenza dell'iscritto “ai fini della sospensione dello stesso dall'esercizio professionale a tempo indeterminato”.
Ciò ai sensi dell'art. 2 della L. 536/1949.
“I contributi previsti dal decreto legislativo 23.11.1944 n. 382, a favore dei Consigli degli Ordini e dei Collegi, anche se trattasi di contributi arretrati, debbono essere versati nel termine stabilito dai Consigli medesimi”.
Coloro che non adempiono al versamento possono essere sospesi dall'esercizio professionale, osservate le forme del procedimento disciplinare.
La sospensione inflitta non è soggetta a limiti di tempo ed è revocata ... quando l'iscritto dimostra di aver pagato le somme dovute.
Tale sospensione è revocata anche quando l'interessato dimostri di aver provveduto all'invio della comunicazione dovuta.
Del resto, anche il codice deontologico forense prevede espressamente (all'art. 15) il “dovere di adempimento previdenziale e fiscale”.
“L'avvocato deve provvedere agli adempimenti previdenziali e fiscali a suo carico, secondo le norme vigenti.
In particolare l'avvocato è tenuto a corrispondere regolarmente e tempestivamente i contributi dovuti agli organi forensi ed all'ente previdenziale”.
Sul punto si è precisato che “la responsabilità disciplinare discende non solo dalla violazione delle specifiche norme esistenti, ma anche dalla violazione del principio di solidarietà e correttezza che dovrebbe legare tutti gli esercenti la stessa professione e che “il dovere di correttezza fiscale non può essere considerato attinente alla sfera dei rapporti esclusivamente privati degli iscritti, ma proietta i suoi effetti anche sull'avvocatura”
(C.N.F 19.9.1995, n. 82, Rass. Forense 1995,479).
In particolare, per le violazioni di natura previdenziale, spetta al Consiglio dell'Ordine accertare e valutare se ricorrono gli estremi della infrazione e quale sanzione infliggere.
Il Consiglio Nazionale Forense ha ribadito che il “professionista che non invii alla Cassa di Previdenza Forense il  prescritto modello 5... è sospeso a tempo indeterminato fino a quando non provvederà all'invio della predetta autocertificazione” (23.11.2000, n. 199, Rass. Forense, 2001, 405).
E' comunque la mancata comunicazione è considerata, in ogni caso, illecito disciplinare, sanzionata in modo diverso ed in relazione al caso specifico (dalla sospensione, alla censura, all'avvertimento).
Riportiamo, per esteso, due massime del C.N.F.:
“Il professionista che ometta di inoltrare regolarmente e tempestivamente alla Cassa di Previdenza il modello 5 commette illecito disciplinare. La sanzione per tale illecito va graduata, anche per rispetto al principio di proporzionalità tra infrazione e sanzione, tenendo presente la sussistenza di precedenti specifici a carico del responsabile, di eventuali altre violazioni deontologiche, delle giustificazioni addotte dall'interessato, del numero egli anni in relazione ai quali si è accertata l'infrazione dell'omesso inoltro del modulo 5. (Nella fattispecie, tenuto conto dell'assenza totale di altri addebiti e precedenti a carico del professionista la sanzione è stata ridotta alla sola censura)” (Consiglio Naz. Forense, 19 aprile 1991, n. 26, in Rass. forense, 1992, 49).
“Il professionista che omette di comunicare con lettera raccomandata diretta alla Cassa di Previdenza l'ammontare del reddito professionale richiesto ai fini dell'IRPEF e il volume d'affari ai fini dell'IVA per l'anno precedente viola il principio di colleganza tra gli avvocati e determina scompensi nel funzionamento previdenziale in danno dell'intera categoria. Nella fattispecie, tenuto conto che non risultano altre violazioni disciplinari da parte del professionista, alla sanzione della censura è stata sostituita quella dell'avvertimento”. (Consiglio naz. forense, 2 dicembre 1991, n. 121, in Rass. forense, 2001, 405).



NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

PRIVACY POLICY – COOKIE POLICY

Informativa per il sito web resa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali

Questa Privacy Policy è fornita, ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), agli Utenti che interagiscono con i servizi web del presente sito accessibili per via telematica a partire dalla pagina iniziale del sito gestito dalla stessa azienda.

Il gestore del sito rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i loro dati personali. In generale, l'utente può navigare sul sito senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta ed il trattamento di dati personali avvengono quando necessari in relazione all'esecuzione di servizi richiesti dall'utente, o quando l'utente stesso decide di comunicare i propri dati personali; in tali circostanze, il presente regolamento della privacy illustra le modalità ed i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell'utente. Il trattamento si basa sempre su principi di liceità e correttezza in ottemperanza a tutte le vigenti normative applicabili (e quindi nel rispetto anche dei principi di necessità, correttezza, liceità, trasparenza e tutela della riservatezza) e con logiche strettamente correlate alle finalità perseguite e in conformità alla legislazione vigente. L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento. I dati personali oggetto di trattamento sono trattati dal gestore del sito anche in considerazione delle innovazioni tecnologiche in modo tale da ridurre al minimo, mediante opportune misure di sicurezza preventive, il rischio della loro distruzione o perdita, anche accidentale, di accesso non autorizzato ai dati o di operazioni di trattamento che sono o illegali o incompatibili con le finalità per le quali i dati sono stati raccolti. Sui dati vengono compiute le sole operazioni necessarie al perseguimento delle finalità indicate nel presente documento e nelle altre informative fornite agli utenti al momento della raccolta dei loro dati. I dati verranno conservati e trattati per un periodo conforme alle finalità per le quali vengono trattati e conforme alle vigenti normative. I dati potranno anche essere organizzati in banche dati/database anche informatici.

TIPI DI DATI TRATTATI E MODALITÀ DI TRATTAMENTO

DATI DI NAVIGAZIONE

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente Questi dati vengono utilizzati dal gestore del sito al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito o più in generale della Società. I dati potranno essere trattati in modalità cartacea, manuale, informatica e telematica (conservando e trattando pertanto i dati sia su supporto cartaceo che informatico).

COOKIES

I cookies sono piccoli file di testo che vengono inviati al tuo computer. Il sito in oggetto utilizza due tipi di cookies. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

UTILIZZO DI GOOGLE ANALYTICS

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza i cosiddetti "cookie", dei file di testo che vengono salvati sul vostro computer per consentire di analizzare come utilizzate il sito web. Le informazioni sull'utilizzo del sito web (incluso il vostro indirizzo IP) ottenute tramite i cookie verranno inviate e memorizzate in un server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di analizzare il vostro utilizzo del sito web, stilare report sul traffico del sito web per il titolare del sito e offrire ulteriori servizi relativi all'utilizzo del sito web e di Internet. Google può anche trasmettere queste informazioni a terzi ove ciò sia prescritto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. In nessun caso Google assocerà il vostro indirizzo IP ad altri dati posseduti da Google. Potete evitare l'installazione dei cookie modificando le impostazioni del vostro browser, facciamo tuttavia presente che ciò potrebbe impedirvi di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, acconsentite al trattamento dei vostri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.. In alternativa, potete utilizzare l'Add-on di disattivazione di Google Analytics (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it), se disponibile per il vostro browser.

SITI DI TERZI

Il sito web può contenere links ad altri siti. Il gestore del sito non condivide i dati personali dell'utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela ed al trattamento di dati personali. Il gestore del sito invita l'utente a prendere visione delle politiche della privacy di tali siti per conoscere le modalità di trattamento e raccolta dei propri dati personali da parte di tali siti web di terzi, in quanto totalmente estranei a qualsiasi forma di controllo da parte del gestore del sito. Il gestore del sito non garantisce la legittimità di utilizzo del materiale di questo sito web in ambito territoriale diverso da quello italiano. L'accesso al sito da altre località si considererà eseguito ad iniziativa dell'utente che si assumerà la piena responsabilità dell'osservanza della normativa locale, entro i limiti di applicazione della stessa. Il Software del sito è soggetto inoltre alle leggi italiane che governano l'esportazione.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL'UTENTE

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito (nel caso in cui sia indicato solo l'indirizzo e-mail e non vi sia un apposito form di compilazione in presenza del quale si rimanda alle specifiche informative che regolano il conferimento nei vari form), comporta da parte del gestore del sito la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva (e negli allegati alla stessa) o nei form appositi In tal caso (quello appunto in cui in è indicato solo l'indirizzo e non vi è un apposito form di compilazione in presenza del quale si rimanda alle specifiche informative che regolano il conferimento nei vari form) il conferimento dei dati è facoltativo, ma il mancato conferimento dell'indirizzo o di altri dati necessari a evadere la richiesta, comporterà l'impossibilità di non poter evadere la richiesta stessa. Con l'invio della e-mail l'interessato autorizza il gestore del sito al trattamento dei dati per evadere le richieste. I dati, in formato cartaceo o elettronico, potranno essere trattati dal gestore del sito sia manualmente che per mezzo di strumenti informatici/telematici.

CONDIZIONI RELATIVE ALL'USO

I trattamenti connessi ai servizi web del sito sono curati dal gestore del sito. È vietato copiare, tradurre, riprodurre o pubblicare materiale tratto dal sito salva la facoltà di scaricarne un'unica copia mantenendone intatte le attribuzioni che si riferiscono ai diritti d'autore ed ai diritti di proprietà. L'utilizzo di marchi, loghi e nomi commerciali visibili su questo sito, senza il consenso del gestore del sito a cui appartengono, è espressamente proibito. La riproduzione di illustrazioni ed articoli pubblicati, nonché la loro traduzione, è vietata con qualsiasi mezzo, analogico o digitale, e non può avvenire senza espressa autorizzazione scritta dell'editore. È consentita la copia per uso esclusivamente personale. Ogni comunicazione o materiale inviati a questo sito web via posta elettronica, o tramite altro mezzo, sarà considerata non confidenziale e non protetta da diritto di proprietà intellettuale. Qualsiasi cosa che l'utente invii, per esempio via e-mail, al sito, diverrà di proprietà del gestore del sito che potrà pertanto utilizzarla per qualsiasi scopo legittimo. Chiunque invii materiale garantisce che il medesimo è pubblicabile ed accetta di tenere indenne il gestore del sito da qualsiasi azione da parte di terzi in relazione a tale materiale. E' permesso e gradito il link da altri siti. Il gestore del sito non potrà essere ritenuta responsabile per qualsiasi tipo di danno o virus che potesse derivare al computer o ad altra proprietà dell'utente a causa dell'accesso al sito web, della navigazione nello stesso, dell'utilizzo del materiale contenuto o dello scaricamento di materiale video, audio, di testo, immagini, software ed informazioni contenute nel sito. Pertanto il gestore del sito non sarà tenuta a rispondere in ordine a danni, perdite, di alcun genere che terzi potranno subire come conseguenza dell'accesso al sito.

INFORMATIVE SPECIFICHE

Sono presenti all'interno del sito specifiche informative di sintesi nelle pagine del sito predisposte per sezione contatti. Si rimanda a anche a tali informative che integrano la presente policy.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO:

Il Titolare del trattamento ai sensi della legge è il gestore del sito.

Decreto Legislativo n.196/2003: Art. 7 – Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricato 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

MODIFICHE ALLE PRESENTI POLITICHE SULLA PRIVACY

Il gestore del sito controlla la privacy e la sicurezza regolarmente e, se necessario, rivede in conformità alle modifiche introdotte dalla legge, o dall'evoluzione tecnologica l'organizzazione. Qualsiasi modifica delle politiche, sarà pubblicata in questa pagina.

DOMANDE, RECLAMI E SUGGERIMENTI

Chi è interessato a ulteriori informazioni o desidera contribuire con i propri suggerimenti o potrebbe voler inviare lamentele o dubbi su tutte le questioni emerse in relazione sia sulla politica privacy che sulle modalità di trattamento dei propri dati personali, può farlo scrivendo presso il gestore del sito mandando un email a segreteria@studiolegaleballati.it all'attenzione del titolare del trattamento riportando la dicitura Privacy.

INFORMATIVA SULL'USO DEI COOKIE

Il sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati e su come gestirli.

DEFINIZIONI

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

TIPOLOGIE DI COOKIE

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie strettamente necessari. Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito e sono utilizzati per gestire il login e l'accesso alle funzioni riservate del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di lavoro volti a riconoscere, per tale limitato periodo, il computer del visitatore - attraverso un codice alfa-numerico generato alla prima sessione di accesso. La loro disattivazione compromette l'utilizzo dei servizi accessibili da login. La parte pubblica del sito resta normalmente utilizzabile.

Cookie di analisi e prestazioni. Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione. Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione. Il sito non utilizza cookie di questo tipo.

GOOGLE ANALYTICS

Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). In questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).

Si informa che Google Analytics nel presente sito è impostato in modalità anonima con anonimizzazione degli IP.

Google Analytics utilizza i "cookie" per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori del sito riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Il nostro sito non utilizza cookies di profilazione o pubblicità:

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente all'interno delle pagine del Sito. Secondo la normativa vigente, (direttiva 2009/136 che ha modificato la direttiva "e-Privacy" (2002/58/CE) e provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie – 8 maggio 2014")

Il nostro sito non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

DURATA DEI COOKIE

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Il ns. sito non fa uso di cookie persistenti.

Tuttavia, navigando sulle pagine del sito web, si può interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

GESTIONE DEI COOKIE

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.

Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.

La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti".

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT