In evidenza

Mediazione - Aspetti pratici e riflessi deontologici della Legge e dei Decreti di attuazione del D.lgvo n. 28 del 4.3.2010

di Franco Ballati

Il decreto legislativo n. 28 del 4.3.2010 ha dato attuazione all'art. 60 della L. 18.6.2009 n. 69 in materia di mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali.

Alla legge, pubblicata sulla G.U. n. 53 del 5.3.2010, non è seguita, ad oggi, l'emanazione di alcun decreto di attuazione, per cui, necessariamente, l'oggetto della presente relazione dovrà limitarsi alla sola legge, effettuando un necessario raffronto fra l'attività che deve svolgere l'avvocato e le eventuali conseguenze che la stessa, (se compiuta in modo non conforme agli obblighi posti a suo carico), potrà avere sotto il profilo deontologico.

Dalla lettura della legge, gli obblighi, a carico del professionista (avvocato o praticante abilitato al patrocinio) e del mediatore risultano molteplici:

per l'avvocato:

  • l'obbligo di informazione (art. 4, comma 3);

per il mediatore (che ovviamente può essere anche avvocato):

  • l'obbligo di riservatezza (art. 9);

  • il segreto professionale (art. 10);

  • il divieto di percepire compensi direttamente dalle parti (art. 14);

  • la sottoscrizione di una dichiarazione di imparzialità (art. 14);

  • il divieto di “assumere diritti o obblighi connessi, direttamente o indirettamente, con gli affari trattati” (art. 14).

Esamineremo tali “doveri” punto per punto.

  1. Obbligo di informazione (art. 4)

    L'art. 4, comma 3, del decreto legislativo dispone che, al momento del conferimento dell'incarico, l'avvocato debba informare (“è tenuto”) l'assistito, non solo della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione per le materie previste dal successivo art. 5, comma 1, 2 e 5, cui si rimanda, ma anche del fatto che l'esperimento della procedura è condizione di procedibilità della domanda (art. 5).

    L'informazione deve essere “fornita chiaramente e per iscritto” (a pena, ove non avvenga, di annullabilità del contratto di patrocinio fra l'avvocato e l'assistito, su istanza di quest'ultimo).

    Tale documento deve essere sottoscritto dall'assistito e deve essere allegato all'atto introduttivo dell'eventuale successivo giudizio, davanti all'autorità giudiziaria (atto di citazione o ricorso).

    Anche se la legge non lo dice espressamente, tale documento non dovrà essere notificato alla controparte con l'atto di citazione ma depositato in giudizio al momento della iscrizione a ruolo nella causa.

    La violazione di tale “obbligo” comporta, per espressa previsione di legge, come si è già evidenziato, l'annullabilità del contratto “di prestazione di opera intellettuale”. Principio, peraltro, affermato anche dalla Corte di Cassazione, sez. unite, 19.12.2007, n. 26724, che si è occupata della distinzione fra norme di comportamento dei contraenti e norme di validità del contratto; la violazione delle prime, e cioè delle norme di comportamento, sia nella fase negoziale che in quella attuativa del rapporto, genera responsabilità e può essere motivo di risoluzione del contratto, quando si sia in presenza di un non corretto adempimento del “generale dovere di protezione e degli specifici obblighi di prestazione gravanti sul contraente”.

    Un modello dell'informativa al cliente, predisposto dal C.N.F., è stato inviato anche dal Consiglio dell'Ordine; aggiungiamo solo che è consigliabile che tale informativa contenga anche l'autorizzazione al trattamento dei dati personali, così come previsto dall'art. 13 del D.Lgs 196/2003; e che, nel mandato, il cliente dichiari e riconosca espressamente di essere stato informato della possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione di cui al decreto 28/2010 e delle agevolazioni fiscali previste dagli art. 17 e 20.

    A proposito di tale informativa, ci si è chiesti se la stessa debba essere sintetica od analitica.

    Si propende per la seconda ipotesi.

    L'assistito deve essere informato non solo delle previste agevolazioni fiscali, ma anche delle caratteristiche ed aspetti essenziali dei sistemi di risoluzione delle controversie, diverse dal giudizio ordinario.

    L'individuazione di tali caratteristiche e delle conseguenze della mancata attivazione del procedimento rispondono più correttamente al dovere di informazione.

    Si riporta uno schema di informativa analitica.

    L'obbligo di informazione, poi, si ritiene sia sempre a carico del professionista, indipendentemente dalla natura obbligatoria o volontaria del procedimento, come si deduce dal testo letterale della norma “l'avvocato informa altresì l'assistito dei casi in cui l'esperimento del procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale”.

    Se anche così non fosse (poi) ritenuto dalla giurisprudenza, la conseguenza connessa a tale violazione dell'obbligo di informazione (e cioè l'annullabilità del contratto) consiglia una prudenza maggiore e quindi l'opportunità, in ogni caso, di inviare e far sottoscrivere dal cliente tale informativa.

    Dalla lettura della norma (“il documento che contiene l'informazione è sottoscritto dall'assistito e deve essere allegato all'atto introduttivo dell'eventuale giudizio”) si deduce che tale obbligo sussiste a carico dell'avvocato dell'attore (e quindi la possibile sanzione, in caso di inosservanza, ricade solo sul professionista che propone l'azione giudiziaria) e sussiste al momento del concreto conferimento dell'incarico per la trattazione della pratica, sia in via principale che stragiudiziale.

    La violazione della norma, poi, costituisce anche illecito disciplinare.

    Dispone, infatti, l'art. 40 c.d. “l'avvocato è tenuto ad informare chiaramente il proprio assisittio all'atto dell'incarico, delle caratteristiche e della importanza della controversia o delle attività da espletare, precisando le iniziative e le ipotesi di soluzioni possibili”.

    Appare evidente che la mediazione è una possibile “nuova” soluzione della vertenza e quindi, come tale, deve far parte dell'informativa inviata, o data, all'assistito.

    Sul punto, e per analogia, si hanno numerose decisioni del Consiglio Nazionale Forense: all'atto dell'assunzione dell'incarico l'avvocato deve informare chiaramente il proprio assistito (anche se non vi è stata una specifica richiesta in tal senso) dei vari elementi che riguardano la lite: le caratteristiche e l'importanza della controversia, le attività da espletare, le iniziative da assumere, le possibili soluzioni (v. C.N.F. 20.1.1996, n. 77).

    Fra queste, dunque, l'obbligo di informare il proprio cliente di una nuova facoltà prevista a suo favore dal decreto legislativo 28/2010.

    E ciò con riferimento anche al dovere di competenza (art. 12 c.d.f.): “il professionista deve tenere informato il cliente non solo dell'evoluzione processuale e dell'ipotesi di soluzione del processo, ma anche delle propie scelte tecniche, rinunciando eventualmente al mandato, ove fosse in disaccordo con il cliente sulle soluzioni da adottare (C.N.F. 24.5.1996, n. 77).

    L'incuria sull'informativa, ben diversa dall'incuria nell'esercizio dei doveri di assistenza dei clienti, incide (in modo ridotto) sul più generale dovere di corretto comportamento” (C.N.F. 14.4.1993, n. 68).

    Da ricordare che anche il codice europeo all'art. 3.7 ha introdotto, a suo tempo, una disposizione che impone all'avvocato di sforzarsi per raggiungere la soluzione della lite al costo migliore per il cliente e deve consigliare il cliente in ogni momento sulla opportunità di trovare un accordo e/o una diversa soluzione per la definizione della lite.

  2. Obbligo di riservatezza e segreto professionale (art. 10)

    Dispone l'art. 9 che “chiunque presta la propria opera od il proprio servizio nell'organismo è tenuto all'obbligo di riservatezza rispetto alle dichiarazioni rese ed alle informazioni acquisite durante il procedimento medesimo”.

    Ed al secondo comma si aggiunge che tale obbligo è applicabile anche nei confronti delle altri parti, se le dichiarazioni ed informazioni sono state acquisite nel sorso delle sessioni separate “salvo consenso della parte dichiarante o dalla quale provengano le informazioni”.

    Si è detto (v. Buffone, in “risoluzione alternativa delle liti civili e commerciali”) che “emergono, dunque, una riservatezza orizzontale ed una riservatezza verticale: la prima è quella che obbliga il mediatore a non riferire alle altre parti del procedimento di mediazione ciò che uno dei litiganti gli ha riferito nell'ambito di una delle sessioni separate. La seconda è quella che obbliga il mediatore a non riferire all'esterno ciò che ha avuto modo di apprendere e sapere nell'ambito del tentativo di conciliazione fra le parti.

    Con la conseguenza che le dichiarazioni rese o le informazioni acquisite nel corso del procedimento di mediazione non possono essere utilizzate in un successivo giudizio avente lo stesso oggetto, anche parziale, della procedura di mediazione.

    Sul contenuto di tali dichiarazioni, ed informazioni, non è ammessa prova testimoniale, né può essere deferito giuramento decisorio. Né al mediatore può essere imposto di deporre su quanto appreso nel procedimento di mediazione, né davanti all'autorità giudiziaria, né davanti ad altra autorità.

    L'inosservanza di tale dovere, è sanzionato anche sotto il profilo disciplinare.

    Dispone infatti l'art. 9 del c.d.f. “E' dovere, oltreché diritto, primario e fondamentale dell'avvocato, mantenere il segreto sull'attività fornita dalla parte assistita o di cui sia venuto a conoscenza in dipendenza del mandato”.

    L'avvocato è tenuto al dovere di segretezza e di riservatezza anche nei confronti degli ex clienti, sia per l'attività giudiziale che per l'attività stragiudiziale.

    Il segreto professionale, che è tutelato in tutti i paesi (vedi art. 2.3 Codice Deontologico Europeo), non è stabilito nell'interesse del professionista, né nell'interesse dei loro assistiti, o delle altre parti, ma nell'interesse pubblico; tale obbligo è considerato assoluto ed inviolabile.

    L'art. 622 c.p. punisce chiunque, avendo notizia, per ragione della propria professione, di un segreto, lo rivela senza giusta causa, ovvero lo utilizza per proprio o altrui profitto, se da ciò può derivare nocumento ad altri.

    L'art. 200 c.p.p. stabilisce che gli avvocati e gli altri professionisti non possono essere obbligati a deporre su quanto hanno conosciuto per ragione della propria professione.

    L'art. 249 c.p.c. autorizza l'avvocato ad astenersi dal rendere testimonianza nel processo civile; e l'art. 58 c.d.f. prescrive che “per quanto possibile, l'avvocato deve astenersi dal deporre come testimone su circostanze apprese nell'esercizio della propria attività professionale ed inerenti al mandato ricevuto”.

    Tale principio si estende anche ai praticanti (Corte Cost. 8.4.1997, n. 87); tutela sia l'attività giudiziale che l'attività stragiudiziale.

    Il dovere di segretezza e riservatezza sussiste anche nei confronti degli ex clienti e quindi anche dopo la cessazione dell'incarico (C.N.F. 8.7.1994, n. 65- pena inflitta la censura).

    Si è statuito che “pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante il professionista che, nel ricorso per decreto ingiuntivo avverso propri clienti, per il soddisfacimento di crediti professionali, riferisca dell'attività svolta con dovizia di particolari riguardanti episodi coperti dal segreto professionale” (pena inflitta: sospensione di mesi due – C.N.F. 22.3.1997, n. 23).

    (Tali statuizioni, e tali doveri deontologici, quindi, si applicano anche agli avvocati, che assumono la funzione di mediatori).

  3. Dovere di Imparzialità (art. 14)

    L'art. 14 del decreto legislativo 28/2010 prescrive che il mediatore, per ciascun affare per cui è stato designato, sottoscriva una dichiarazione di imparzialità e non possa (“è fatto divieto”) assumere diritti ed obblighi connessi, direttamente o indirettamente, con gli affari trattati.

    Tali obblighi sono previsti anche per i suoi eventuali ausiliari.

    Il mediatore, quindi, deve essere “indipendente ed imparziale”.

    La norma prevede che “su istanza di parte, il responsabile dell'organismo provvede alla eventuale sostituzione del mediatore”, ove, si reputa, il mediatore abbia informato l'organismo e le parti della esistenza di un possibile pregiudizio alla imparzialità nello svolgimento della mediazione.

    Ma se il mediatore è un avvocato, sotto il profilo deontologico, si applicherà a suo carico, per analogia, il dettato dell'art. 55 del c.d.f.;

    l'avvocato che abbia assunto la funzione di arbitro deve rispettare i doveri di indipendenza e imparzialità.

    Per assicurare il rispetto dei doveri di indipendenza ed imparzialità, l'avvocato non può assumere la funzione di arbitro... quando abbia in corso rapporti professionali con una delle parti in causa o abbia avuto rapporti che possano pregiudicarne l'autonomia.

    In particolare, dell'esistenza di rapporti professionali comuni alle parti l'arbitro nominato presidente deve rendere edotte le parti stesse, rinunciando all'incarico ove venga richiesto”.

    Se è inteso valorizzare l'indipendenza (ed imparzialità) dell'arbitro (ora mediatore); ne consegue che non può essere nominato arbitro un dipendente della parte od il suo difensore, né il collega di studio del difensore, né il socio di uno studio associato in cui altro legale sia il difensore.

    E nel corso del rapporto gli arbitri (nel ns. caso il conciliatore), per mantenere il necessario distacco dalla controversia, non devono avere contatti diretti con le parti.

    Regola, questa, che è praticata in molti paesi europei.

    La Camera di Commercio Internazionale di Parigi richiede agli arbitri la sottoscrizione, prima di procedere alla loro nomina, di una dichiarazione del seguente tenore: “sono indipendente da ciascuna delle parti ed intendo rimanervi: per quanto è a mia conoscenza, non vi sono fatti e circostanze, passati e presenti, che debbano assere dichiarati, che possano essere di tale natura da porre in dubbio la mia indipendenza nella considerazione di una delle parti”.

    Regole analoghe sono presenti anche in alcuno codici deontologici emanate da varie Camere di Commercio.

    La Camera Arbitrale di Venezia, per esempio, ha emanato un codice deontologico per coloro che accettano la nomina ad arbitro, dove si prevede che, fra l'altro

    art. 3 indipendenza: “L'arbitro deve accettare incarichi che sappia di poter svolgere con adeguata competenza, secondo le sue qualificazioni professionali in relazione alla materia del contendere”.

    art. 4 imparzialità: “L'arbitro nominato deve garantire la propria imparzialità nell'interesse di tutte le parti, salvaguardando il proprio ruolo da qualunque pressione esterna, diretta o indiretta”.

    art. 5 dichiarazione di indipendenza e imparzialitàCon l'accettazione, l'arbitro deve dichiarare la propria mancanza di relazioni o interessi con le parti, i loro difensori o rappresentanti o con l'oggetto della controversia, che possano ragionevolmente incidere sulla fiducia delle parti nella sua indipendenza ed imparzialità.

    Il successivo accertamento di fatti che avrebbero dovuto essere dichiarati può essere valutato dalla Camera Arbitrale come causa di sostituzione dell'arbitro, anche d'ufficio, nel corso del procedimento e non conferma in un nuovo procedimento”.

    Regole analoghe sono state emanate dalla Consob, con delibera 17205 del 4.3.2010 di approvazione del “Codice Deontologico dei Conciliatori e degli Arbitri iscritti negli elenchi tenuti dalla Camera di Conciliazione con Arbitrato”.

    All'art. 2 si è infatti statuito:

    1. Il conciliatore e l’arbitro, nello svolgimento della loro attività:

    a) rifiutano la nomina o interrompono lo svolgimento delle funzioni, informandone tempestivamente la Camera, ogniqualvolta ritengano di subire o di poter subire condizionamenti in ordine a un neutrale svolgimento dell’incarico;

    b) non accettano altri incarichi né svolgono attività che, per la natura, la fonte o le modalità di conferimento, possano in concreto condizionarne l’indipendenza;

    c) garantiscono e difendono con la propria coscienza l’indipendente esercizio delle loro funzioni da ogni tipo di pressione, diretta o indiretta;

    d) valutano senza pregiudizio i fatti della controversia, esaminando con scrupolo gli argomenti prospettati dalle parti e gli atti del procedimento e interpretando le norme da applicare con obiettività;

    e) ispirano il proprio comportamento a imparzialità e curano di rispecchiarne l’immagine anche all’esterno;

    f) evitano ogni possibile situazione di conflitto di interessi.

    2. Il conciliatore e l’arbitro comunicano tempestivamente alla Camera qualsiasi circostanza, fatto o rapporto suscettibile di incidere sulla loro indipendenza e imparzialità”.

    La violazione di tali obblighi da parte dell'avvocato (se arbitro o conciliatore) è considerata illecito disciplinare, punito con sanzioni che vanno dalla censura alla sospensione per mesi due.

    Si riportano, in proposito, due massime del Consiglio Nazionale Forense:

    1) “pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante l'avvocato che, dopo aver presieduto il Collegio Arbitrale incaricato di risolvere il conflitto fra le due parti contrapposte, assume la difesa degli interessi di una parte contro l'altra, anche se in buona fede” (C.N.F. 15.5.1996, n. 66). - E' stata comminata la sanzione della censura.

    2) “pone in essere un comportamento deontologicamente rilevante perché lesivo del dovere di correttezza e autonomia propri della classe forense l'avvocato che venga nominato arbitro unico, non comunichi di aver assunto in precedenza un incarico professionale di una delle due parti in causa ma anzi, successivamente alla nomina, assuma altro incarico professionale dalla medesima parte” (C.N.F. 8.11.2001, n. 229).

    E' stata comminata la sanzione della sospensione per mesi due.

  4. divieto di percepire compensi direttamente dalle parti (art. 14)

    L'art. 14 del D.Lgs 28/2010, al 1° comma, prescrive che “è fatto divieto (al mediatore ed ai loro ausiliari) di percepire compensi direttamente dalle parti

    Si ritiene che un comportamento del mediatore (nel ns. caso dell'avvocato) che richieda ed ottenga compensi direttamente dalle parti venga meno al dovere di lealtà e probità (art. 6 c.d.f.).

    Ma tale comportamento, a parere di chi scrive, è censurabile alla luce, anche, di altre due disposizioni, la prima del c.d.f., la seconda contenuta nel D.L. 115/2002 (patrocinio a spese dello stato);

    a) L'art. 50 del c.d.f. che pone il divieto “di richiedere alla controparte il pagamento del proprio compenso professionale, salvo che ciò sia oggetto di specifica pattuizione”.

    Il C.N.F. (con decisione 28.5.1982, in Rass. Forense 1984, 69), nel ribadire che il comportamento del professionista deve essere, in ogni occasione, improntato alla massima serietà, diligenza e dignità professionale, sia nelle vertenze giudiziali che nella pratica stragiudiziale, ha statuito che: “lede la dignità ed il decoro professionale l'avvocato che accetta un compenso dalla controparte in via transattiva, prima di perfezionare la transazione e poi, senza nemmeno restituire quanto ricevuto, intima alla stessa precetto” Nella fattispecie è stata ritenuta adeguata la sanzione della sospensione per un anno.

    b) l'art. 85 del D.P.R. 115 del 30.5.2002, sul patrocinio a spese dello stato, prescrive che:

    il difensore, l'ausiliario del magistrato ed il consulente tecnico di parte non possono chiedere e percepire dal proprio assistito compensi o rimborsi a qualunque titolo, diversi da quelli previsti dalla presente parte del testo unico. La violazione del divieto costituisce grave illecito disciplinare professionale”.

     

    Informativa ex art. 4 D.Lgs n. 28/2010 e ex art. 13 D.Lgs 196/2003

     

Gentile cliente,

a seguito del conferimento dell'incarico professionale, Le confermo quanto già anticipato a voce, ai sensi degli art. 4 del decreto legislativo 28/2010 e dell'art. 13 del d.lgs 196/2003.

  1. l'art. 4 del d.lgs. 28/2008 prevede la possibilità, a partire dal 20.3.2010, di avvalersi del procedimento di mediazione, per la conciliazione di una controversia, civile o commerciale, vertente su diritti disponibili, proponendo istanza ad un organismo di conciliazione iscritto nell'apposito registro istituito con decreto ministeriale;

  2. la mediazione sarà obbligatoria, a decorrere dal 20.3.2011, costituendo condizione di procedibilità della domanda giudiziale, quando si intenda agire in giudizio per controversie in materia di condominio, diritti reali, divisioni, successioni ereditarie, patti di famiglia, locazione, comodato, affitto di azienda, risarcimento del danno derivante dalla circolazione di veicoli e natanti, da responsabilità medica e da diffamazione a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità, contratti assicurativi, bancari e finanziari;

  3. la domanda di mediazione produce, per quanto concerne la prescrizione, dal momento della comunicazione alle altre parti, gli stessi effetti della domanda giudiziale, ed impedisce la decadenza;

  4. il procedimento di mediazione avrà durata non superiore a quattro mesi;

  5. la procedura di mediazione non preclude la concessione di provvedimenti urgenti e cautelari e non è obbligatoria per l'esercizio dell'azione civile nel processo penale, nei procedimenti per ingiunzione, inclusa l'opposizione, per convalida di sfratto, possessori, di opposizione all'esecuzione forzata, in camera di consiglio;

  6. tutti gli atti, documenti e provvedimenti relativi al procedimento di mediazione sono esenti dall'imposta di bollo e da ogni spesa, tassa o diritto di qualsiasi specie o natura ed il verbale di accordo è esente dall'imposta di registro entro il limite di valore di € 51.646,00;

  7. per chi si avvale della procedura di mediazione è previsto l'obbligo di versare una indennità ai mediatori ma è loro riconosciuto,in caso di successo della mediazione, anche un credito di imposta commisurato all'indennità stessa, fino a concorrenza della somma di € 500,00.

    In caso di insuccesso il credito di imposta è ridotto a metà, così come disposto dall'art. 20, commi 2 e 3, del citato decreto 28/2010;

  8. il verbale di accordo costituisce titolo esecutivo per l'espropriazione forzata, per l'esecuzione in forma specifica e per l'iscrizione di ipoteca giudiziale;

  9. dalla mancata e non giustificata partecipazione al procedimento di mediazione il giudice potrà desumere argomenti di prova nel successivo giudizio di cognizione, ai sensi dell'art. 116 c.p.c.;

  10. se il provvedimento che definisce il giudizio corrisponde interamente al contenuto della proposta, il giudice esclude la ripetizione delle spese sostenute dalla parte vincitrice che ha rifiutato la proposta, successivamente al procedimento di mediazione, e la condanna al rimborso delle spese sostenute dalla parte soccombente nelle stesso periodo, nonché al versamento, a favore dello stato, di una somma pari al contributo unificato dovuto, oltre alle spese per l'indennità corrisposta al mediatore e per il compenso dovuto all'esperto se nominato;

  11. l'avvocato, al momento del conferimento dell'incarico deve informare l'assistito delle possibilità di avvalersi del procedimento di mediazione, nonché dei casi in cui tale procedimento è condizione di procedibilità della domanda giudiziale.

  12. l'informazione deve essere fornita per iscritto. Ove vi sia violazione di tale obbligo, il contratto fra l'avvocato ed il proprio assistito è annullabile;

  13. il documento che contiene l'informazione deve essere sottoscritto dall'assistito ed essere allegato all'atto introduttivo del giudizio.

    In caso di mancata allegazione il giudice informa la parte della facoltà di chiedere la mediazione. 

  14. i dati rilasciati dall'assistito saranno trattati secondo le modalità dell'art. 13 del D.Lgvo 30 giugno 2003, n. 196 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”) e successive modifiche e finalizzati esclusivamente all'incarico conferito. Con la sottoscrizione della presente informativa, pertanto, il cliente dichiara espressamente di aver preso conoscenza dei propri diritti e delle informazioni di cui al suddetto art. 13, e, a norma degli art. 23 e 26 del richiamato Codice, rilascia al sottoscritto difensore il consenso al trattamento dei propri dati personali (comuni e/o sensibili e/o giudiziari). L'assisto prende altresì atto che, con la prestazione del consenso, tali dati potranno essere comunicati anche a collaboratori dello studio o operatori del settore giudiziario; e trattati anche per comunicazione telematiche all'organismo di conciliazione, così come previsto dall'art. 3 del d.lgs 28/2010, o agli organi giudiziari (cancellerie telematiche).

  15. la presente informativa, previa lettura, viene sottoscritta in due originali di cui, uno per il fascicolo di studio e l'altro per essere consegnato al cliente.

 



NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

PRIVACY POLICY – COOKIE POLICY

Informativa per il sito web resa ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003 Codice in materia di protezione dei dati personali

Questa Privacy Policy è fornita, ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n. 196/2003 (Codice in materia di protezione dei dati personali), agli Utenti che interagiscono con i servizi web del presente sito accessibili per via telematica a partire dalla pagina iniziale del sito gestito dalla stessa azienda.

Il gestore del sito rispetta la privacy dei propri utenti e si impegna a proteggere i loro dati personali. In generale, l'utente può navigare sul sito senza fornire alcun tipo di informazione personale. La raccolta ed il trattamento di dati personali avvengono quando necessari in relazione all'esecuzione di servizi richiesti dall'utente, o quando l'utente stesso decide di comunicare i propri dati personali; in tali circostanze, il presente regolamento della privacy illustra le modalità ed i caratteri di raccolta e trattamento dei dati personali dell'utente. Il trattamento si basa sempre su principi di liceità e correttezza in ottemperanza a tutte le vigenti normative applicabili (e quindi nel rispetto anche dei principi di necessità, correttezza, liceità, trasparenza e tutela della riservatezza) e con logiche strettamente correlate alle finalità perseguite e in conformità alla legislazione vigente. L'informativa si ispira anche alla Raccomandazione n. 2/2001 che le autorità europee per la protezione dei dati personali, riunite nel Gruppo istituito dall'art. 29 della direttiva n. 95/46/CE, hanno adottato il 17 maggio 2001 per individuare alcuni requisiti minimi per la raccolta di dati personali on-line, e, in particolare, le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti quando questi si collegano a pagine web, indipendentemente dagli scopi del collegamento. I dati personali oggetto di trattamento sono trattati dal gestore del sito anche in considerazione delle innovazioni tecnologiche in modo tale da ridurre al minimo, mediante opportune misure di sicurezza preventive, il rischio della loro distruzione o perdita, anche accidentale, di accesso non autorizzato ai dati o di operazioni di trattamento che sono o illegali o incompatibili con le finalità per le quali i dati sono stati raccolti. Sui dati vengono compiute le sole operazioni necessarie al perseguimento delle finalità indicate nel presente documento e nelle altre informative fornite agli utenti al momento della raccolta dei loro dati. I dati verranno conservati e trattati per un periodo conforme alle finalità per le quali vengono trattati e conforme alle vigenti normative. I dati potranno anche essere organizzati in banche dati/database anche informatici.

TIPI DI DATI TRATTATI E MODALITÀ DI TRATTAMENTO

DATI DI NAVIGAZIONE

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet. Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti.In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente Questi dati vengono utilizzati dal gestore del sito al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito e per controllarne il corretto funzionamento e vengono cancellati immediatamente dopo l'elaborazione. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici ai danni del sito o più in generale della Società. I dati potranno essere trattati in modalità cartacea, manuale, informatica e telematica (conservando e trattando pertanto i dati sia su supporto cartaceo che informatico).

COOKIES

I cookies sono piccoli file di testo che vengono inviati al tuo computer. Il sito in oggetto utilizza due tipi di cookies. L'uso di c.d. cookies di sessione (che non vengono memorizzati in modo persistente sul computer dell'utente e svaniscono con la chiusura del browser) è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire l'esplorazione sicura ed efficiente del sito I c.d. cookies di sessione utilizzati in questo sito evitano il ricorso ad altre tecniche informatiche potenzialmente pregiudizievoli per la riservatezza della navigazione degli utenti e non consentono l'acquisizione di dati personali identificativi dell'utente.

UTILIZZO DI GOOGLE ANALYTICS

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google Inc. ("Google"). Google Analytics utilizza i cosiddetti "cookie", dei file di testo che vengono salvati sul vostro computer per consentire di analizzare come utilizzate il sito web. Le informazioni sull'utilizzo del sito web (incluso il vostro indirizzo IP) ottenute tramite i cookie verranno inviate e memorizzate in un server di Google negli Stati Uniti. Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di analizzare il vostro utilizzo del sito web, stilare report sul traffico del sito web per il titolare del sito e offrire ulteriori servizi relativi all'utilizzo del sito web e di Internet. Google può anche trasmettere queste informazioni a terzi ove ciò sia prescritto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google. In nessun caso Google assocerà il vostro indirizzo IP ad altri dati posseduti da Google. Potete evitare l'installazione dei cookie modificando le impostazioni del vostro browser, facciamo tuttavia presente che ciò potrebbe impedirvi di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web. Utilizzando il presente sito web, acconsentite al trattamento dei vostri dati da parte di Google per le modalità e i fini sopraindicati.. In alternativa, potete utilizzare l'Add-on di disattivazione di Google Analytics (http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it), se disponibile per il vostro browser.

SITI DI TERZI

Il sito web può contenere links ad altri siti. Il gestore del sito non condivide i dati personali dell'utente con questi siti e non è responsabile delle pratiche degli stessi in relazione alla tutela ed al trattamento di dati personali. Il gestore del sito invita l'utente a prendere visione delle politiche della privacy di tali siti per conoscere le modalità di trattamento e raccolta dei propri dati personali da parte di tali siti web di terzi, in quanto totalmente estranei a qualsiasi forma di controllo da parte del gestore del sito. Il gestore del sito non garantisce la legittimità di utilizzo del materiale di questo sito web in ambito territoriale diverso da quello italiano. L'accesso al sito da altre località si considererà eseguito ad iniziativa dell'utente che si assumerà la piena responsabilità dell'osservanza della normativa locale, entro i limiti di applicazione della stessa. Il Software del sito è soggetto inoltre alle leggi italiane che governano l'esportazione.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DALL'UTENTE

L'invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito (nel caso in cui sia indicato solo l'indirizzo e-mail e non vi sia un apposito form di compilazione in presenza del quale si rimanda alle specifiche informative che regolano il conferimento nei vari form), comporta da parte del gestore del sito la successiva acquisizione dell'indirizzo del mittente necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva (e negli allegati alla stessa) o nei form appositi In tal caso (quello appunto in cui in è indicato solo l'indirizzo e non vi è un apposito form di compilazione in presenza del quale si rimanda alle specifiche informative che regolano il conferimento nei vari form) il conferimento dei dati è facoltativo, ma il mancato conferimento dell'indirizzo o di altri dati necessari a evadere la richiesta, comporterà l'impossibilità di non poter evadere la richiesta stessa. Con l'invio della e-mail l'interessato autorizza il gestore del sito al trattamento dei dati per evadere le richieste. I dati, in formato cartaceo o elettronico, potranno essere trattati dal gestore del sito sia manualmente che per mezzo di strumenti informatici/telematici.

CONDIZIONI RELATIVE ALL'USO

I trattamenti connessi ai servizi web del sito sono curati dal gestore del sito. È vietato copiare, tradurre, riprodurre o pubblicare materiale tratto dal sito salva la facoltà di scaricarne un'unica copia mantenendone intatte le attribuzioni che si riferiscono ai diritti d'autore ed ai diritti di proprietà. L'utilizzo di marchi, loghi e nomi commerciali visibili su questo sito, senza il consenso del gestore del sito a cui appartengono, è espressamente proibito. La riproduzione di illustrazioni ed articoli pubblicati, nonché la loro traduzione, è vietata con qualsiasi mezzo, analogico o digitale, e non può avvenire senza espressa autorizzazione scritta dell'editore. È consentita la copia per uso esclusivamente personale. Ogni comunicazione o materiale inviati a questo sito web via posta elettronica, o tramite altro mezzo, sarà considerata non confidenziale e non protetta da diritto di proprietà intellettuale. Qualsiasi cosa che l'utente invii, per esempio via e-mail, al sito, diverrà di proprietà del gestore del sito che potrà pertanto utilizzarla per qualsiasi scopo legittimo. Chiunque invii materiale garantisce che il medesimo è pubblicabile ed accetta di tenere indenne il gestore del sito da qualsiasi azione da parte di terzi in relazione a tale materiale. E' permesso e gradito il link da altri siti. Il gestore del sito non potrà essere ritenuta responsabile per qualsiasi tipo di danno o virus che potesse derivare al computer o ad altra proprietà dell'utente a causa dell'accesso al sito web, della navigazione nello stesso, dell'utilizzo del materiale contenuto o dello scaricamento di materiale video, audio, di testo, immagini, software ed informazioni contenute nel sito. Pertanto il gestore del sito non sarà tenuta a rispondere in ordine a danni, perdite, di alcun genere che terzi potranno subire come conseguenza dell'accesso al sito.

INFORMATIVE SPECIFICHE

Sono presenti all'interno del sito specifiche informative di sintesi nelle pagine del sito predisposte per sezione contatti. Si rimanda a anche a tali informative che integrano la presente policy.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO:

Il Titolare del trattamento ai sensi della legge è il gestore del sito.

Decreto Legislativo n.196/2003: Art. 7 – Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile 2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione: a) dell'origine dei dati personali; b) delle finalità e modalità del trattamento; c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici; d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2; e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricato 3. L'interessato ha diritto di ottenere: a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. 4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte: a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

MODIFICHE ALLE PRESENTI POLITICHE SULLA PRIVACY

Il gestore del sito controlla la privacy e la sicurezza regolarmente e, se necessario, rivede in conformità alle modifiche introdotte dalla legge, o dall'evoluzione tecnologica l'organizzazione. Qualsiasi modifica delle politiche, sarà pubblicata in questa pagina.

DOMANDE, RECLAMI E SUGGERIMENTI

Chi è interessato a ulteriori informazioni o desidera contribuire con i propri suggerimenti o potrebbe voler inviare lamentele o dubbi su tutte le questioni emerse in relazione sia sulla politica privacy che sulle modalità di trattamento dei propri dati personali, può farlo scrivendo presso il gestore del sito mandando un email a segreteria@studiolegaleballati.it all'attenzione del titolare del trattamento riportando la dicitura Privacy.

INFORMATIVA SULL'USO DEI COOKIE

Il sito web utilizza cookie e tecnologie simili per garantire il corretto funzionamento delle procedure e migliorare l'esperienza di uso delle applicazioni online. Il presente documento fornisce informazioni dettagliate sull'uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati e su come gestirli.

DEFINIZIONI

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell'utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone).

Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell'utente e sull'utilizzo dei servizi.

Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine "cookie".

TIPOLOGIE DI COOKIE

In base alle caratteristiche e all'utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:

Cookie strettamente necessari. Si tratta di cookie indispensabili per il corretto funzionamento del sito e sono utilizzati per gestire il login e l'accesso alle funzioni riservate del sito. La durata dei cookie è strettamente limitata alla sessione di lavoro volti a riconoscere, per tale limitato periodo, il computer del visitatore - attraverso un codice alfa-numerico generato alla prima sessione di accesso. La loro disattivazione compromette l'utilizzo dei servizi accessibili da login. La parte pubblica del sito resta normalmente utilizzabile.

Cookie di analisi e prestazioni. Sono cookie utilizzati per raccogliere e analizzare il traffico e l'utilizzo del sito in modo anonimo. Questi cookie, pur senza identificare l'utente, consentono, per esempio, di rilevare se il medesimo utente torna a collegarsi in momenti diversi. Permettono inoltre di monitorare il sistema e migliorarne le prestazioni e l'usabilità. La disattivazione di tali cookie può essere eseguita senza alcuna perdita di funzionalità.

Cookie di profilazione. Si tratta di cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell'utente e migliorare la sua esperienza di navigazione. Il sito non utilizza cookie di questo tipo.

GOOGLE ANALYTICS

Il sito include anche talune componenti trasmesse da Google Analytics, un servizio di analisi del traffico web fornito da Google, Inc. ("Google"). In questo caso si tratta di cookie di terze parti raccolti e gestiti in modo anonimo per monitorare e migliorare le prestazioni del sito ospite (performance cookie).

Si informa che Google Analytics nel presente sito è impostato in modalità anonima con anonimizzazione degli IP.

Google Analytics utilizza i "cookie" per raccogliere e analizzare in forma anonima le informazioni sui comportamenti di utilizzo del sito web (compreso l'indirizzo IP dell'utente). Tali informazioni vengono raccolte da Google Analytics, che le elabora allo scopo di redigere report per gli operatori del sito riguardanti le attività sui siti web stessi. Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l'indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l'identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato:

https://www.google.it/policies/privacy/partners/

L'utente può disabilitare in modo selettivo l'azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Per disabilitare l'azione di Google Analytics, si rinvia al link di seguito indicato:

https://tools.google.com/dlpage/gaoptout

Il nostro sito non utilizza cookies di profilazione o pubblicità:

Sono quei cookie necessari a creare profili utenti al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dall'utente all'interno delle pagine del Sito. Secondo la normativa vigente, (direttiva 2009/136 che ha modificato la direttiva "e-Privacy" (2002/58/CE) e provvedimento "Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie – 8 maggio 2014")

Il nostro sito non è tenuto a chiedere consenso per i cookie tecnici e di analytics, in quanto necessari a fornire i servizi richiesti.

DURATA DEI COOKIE

Alcuni cookie (cookie di sessione) restano attivi solo fino alla chiusura del browser o all'esecuzione del comando di logout. Altri cookie "sopravvivono" alla chiusura del browser e sono disponibili anche in successive visite dell'utente.

Questi cookie sono detti persistenti e la loro durata è fissata dal server al momento della loro creazione. In alcuni casi è fissata una scadenza, in altri casi la durata è illimitata.

Il ns. sito non fa uso di cookie persistenti.

Tuttavia, navigando sulle pagine del sito web, si può interagire con siti gestiti da terze parti che possono creare o modificare cookie permanenti e di profilazione.

GESTIONE DEI COOKIE

L'utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser.

Attenzione: la disabilitazione totale o parziale dei cookie tecnici può compromettere l'utilizzo delle funzionalità del sito riservate agli utenti registrati. Al contrario, la fruibilità dei contenuti pubblici è possibile anche disabilitando completamente i cookie.

La disabilitazione dei cookie "terze parti" non pregiudica in alcun modo la navigabilità.

L'impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web. Inoltre i migliori browser consentono di definire impostazioni diverse per i cookie "proprietari" e per quelli di "terze parti".

A titolo di esempio, in Firefox, attraverso il menu Strumenti->Opzioni ->Privacy, è possibile accedere ad un pannello di controllo dove è possibile definire se accettare o meno i diversi tipi di cookie e procedere alla loro rimozione.

Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-it/windows7/how-to-manage-cookies-in-internet-explorer-9

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Safari: http://support.apple.com/kb/HT1677?viewlocale=it_IT